fbpx

“FORMELLA 001 PW” di Igor Grigoletto

Recensione dell'Opera


È la liquida trasparenza e solidità del vetro ad affascinare Igor Grigoletto, artista sanremese le cui composizioni vivono di uno sperimentalismo della forma, della tecnica e dei materiali che confluisce in sempre più ardite e complesse realizzazioni.  Nelle sue opere l’eleganza estetica, semplice e lineare, accoglie un espressionismo concettuale che si traduce in uno studio attento delle potenzialità espressive della linea e del colore nello spazio. Essi diventano segni costruttivi di un linguaggio astratto che si fa racconto autentico e personale.

In opere come “FORMELLA 001 PW” la linea fuoriesce dalla superficie descrivendo tratti che non rispondono a codici linguistici precisi ma ad una libera gestione della spazialità ed un’estetica del gesto quale estensione dell’interiorità dell’artista. A delinearsi nell’opera è una spezzata che definisce una figura geometrica, sicura nella sua regolarità ma non nella sua finitezza. Difatti a percorrere la superficie cristallina è una linea che non si chiude nella forma ma resta aperta, accennando ad un varco che porta all’interno della figura.

Il segno è qui linguaggio per esprimere un concetto che è uno stato d’animo personale e condiviso. È il senso di protezione, di difesa dall’esterno, da ciò che è male e fa soffrire, che turba e preoccupa come la situazione attuale che vede l’uomo in pugno ad una pandemia mondiale.

La tentazione è quella di chiuderci in una sorta confort zone entro cui alienarci dall’esterno, ma allo stesso tempo non può rimanere inascoltato quel richiamo alla vita, all’apertura, alla voglia di alzarsi e ricominciare sempre, magari a piccoli passi, includendo e non escludendo.

A drammatizzare la composizione è poi l’inserimento del colore che si accende nelle tonalità del rosso, dinamizzando la fissità della linea ed inducendo alla partecipazione dello spettatore.

IFF