fbpx

“I riflessi di psiche” di Carmela Protetto

Recensione dell'Opera


Surrealistica espressione di un figurativo che spinge verso i confini del concettuale, l’arte della pittrice napoletana Carmela Protetto appare come una rappresentazione reale, tangibile e visibile di un pensiero invisibile, impalpabile proveniente dalle profondità del suo sentire intimo e personale.

Sperimentatrice ed innovatrice, l’artista costruisce la sua visione estetico-artistica nella capacità espressiva della contaminazione di generi e materiali che impasta nella sostanza della pittura rendendo ancora più concreta l’immagine prodotta dalle astrazioni della mente.

Sabbie, specchi, polistirolo, stoffe si corrispondono e si giustappongono concorrendo alla solidità dell’impianto creativo descritto nel colore e vibrante nella luce, generando opere dal forte impatto emotivo. Opere come “I riflessi di psiche” in cui l’artista muove da una condizione particolare appartenente alle esistenze dell’uomo contemporaneo ad una riflessione di carattere universale.

La composizione sembra strutturarsi in due piani costruttivi e meditativi di diversa fruizione, in cui è l’uomo a partecipare alla definizione del messaggio espresso, come soggetto interno ed esterno all’opera. I piani introspettivi mostrano due diverse dimensioni, una più aggettante e spinta verso l’esterno dominata da una cornice a specchi rotti entro cui lo spettatore vede frantumarsi la propria identità e l’altra più penetrante, come ad addentrare il fruitore nell’immagine dipinta riflessa nello specchio, identità vera e umana dell’automa che vi si trova di fronte.

Attraverso questa composizione l’artista vuole rappresentare la condizione della società odierna e contemporanea intesa come imprigionata negli automatismi di un’esistenza dalla quale sembra non potersi liberare ma che recupera la sua vera essenza nell’immagine riflessa, emblematica di una possibilità di salvezza e cambiamento. Quasi come una catarsi il passaggio si compie nel binomio braccia mozzate/ali, dove le ali alludono ad una ritrovata capacità di sorvolare le incertezze e le inquietudini del vivere umano.

IFF